MARGINALITÀ E CONTESTI DIFFICILI - Selfie: il faticoso mestiere di crescere

GIOVEDÌ 29 APRILE, ORE 11.00
In streaming il 30 Aprile dalle 11.00
Con: Letizia Caudullo (montatrice di Selfie), Andrea Fioravanti (insegnante e critico cinematografico)

L'incontro si svolgerà in diretta tramite Google Meet il 29 Aprile. Le classi partecipanti potranno interagire con i relatori attraverso una chat testuale.
Scopri come partecipare all'incontro alla pagina come funziona.

Potremmo dire che quello ereditato dalle nuove generazioni non è un mondo per giovani, perché chi li ha preceduti, e ancora regge le sorti del pianeta, non ha pensato a loro ma ai propri interessi e alle proprie fortune. Se questo è lo scenario dell’oggi, ancora peggiore è la situazione di chi abita contesti difficili, dove ai problemi di inserimento nella società e nei suoi ruoli si accompagnano il degrado ambientale, il degrado sociale e morale, la mancanza di futuro. Nascere e crescere in queste realtà lascia poco margine di scelta, ma le contraddizioni che i giovani vivono possono essere messe in scena stravolgendo la logica dell’osservatore esterno e dell’occhio critico, per dare spazio a quella forma di introspezione che è rivolgere lo strumento di ripresa verso se stessi. Questa è l’operazione di Agostino Ferrente, regista di Selfie, che spiega così il senso della sua opera: “Non inquadriamo i palazzoni, le periferie, inquadriamo gli occhi che le guardano; non inquadriamo la luna, inquadriamo il dito”. Un nuovo protagonismo che spinge fuori dalla marginalità.